Barcelona Shopping Line

Fare shopping a Barcellona è senza dubbio un’esperienza indimenticabile. La città si distingue per un profilo commerciale dai contorni decisi e di gusto squisito. Dietro ad ogni angolo, si celano negozi di alta moda universalmente noti non solo per i prodotti moderni e d’avanguardia, ma anche per l’accattivante design degli interni, l’impeccabile immagine grafica e la magnifica estetica delle vetrine.

Cuore della dimensione commerciale barcellonese è la cosiddetta Shopping Line, un asse unico nel suo genere che parte dal Port Vell, passa per il viale della Rambla, attraversa il centro storico e l’Eixample e giunge fino alla zona alta dall’Avinguda Diagonal. Qui hanno sede le boutique di alcune delle marche più rinomate del panorama internazionale della moda e degli accessori, delle calzature, dei gioielli e degli orologi. Griffe di grande prestigio, tra cui Armani, Chanel, Gucci, Valentino, Loewe, Escada, Dolce & Gabbana e Louis Vuitton, hanno fatto della Barcelona Shopping Line la propria vetrina d’eccezione.

Made in Barcelona

Le strade di Barcellona sono gremite di negozi secolari, carichi di storia e di tradizione. Molti di essi trovano posto in splendidi edifici in stile modernista, testimoni di un passato non troppo lontano in cui perdura l’essenza dei tempi andati.

Sulla Barcelona Shopping Line sorgono alcuni dei negozi di maggior fascino, incastonati in una cornice architettonica di eccezionale valore, come la gioielleria Bagués, nella Casa Amatller, o il punto vendita Loewe, nella Casa Lleó i Morera.

Ai magnifici esterni, di cui sono un esempio emblematico i mosaici della bottega Paviments Escofet o il colorismo della Casa Teixidor, si alternano tesori celati alla vista dei passanti, come l’importante collezione di vasi antichi per le erbe medicinali della farmacia Vilardell o i meravigliosi interni della pellicceria La Sibèria.

Passeig de Gràcia

Il Passeig de Gràcia, una delle principali arterie di Barcellona, occupa un posto di primo piano nel panorama turistico, commerciale e imprenditoriale della città.

Il viale si iscrive in un quartiere dalla storia affascinante. Sebbene il comune di Barcellona avesse elaborato un primo progetto di urbanizzazione dell’area già nel lontano 1821, fu solo agli inizi del XX secolo, con l’attuazione del piano Cerdà per l’ampliamento della città, che la zona assurse a centro residenziale prediletto della borghesia barcellonese. È curioso notare come il nome del quartiere ne rifletta ancora oggi le origini storiche: “Eixample” è, infatti, il termine catalano per “ampliamento”.

Tra il 1900 e il 1914, videro qui la luce alcuni dei principali capolavori architettonici del modernismo e del novecentismo catalano, nati dal genio di figure quali Antoni Gaudí, autore della Pedrera e della Casa Batlló, Josep Puig i Cadafalch, creatore della Casa Amatller, e Lluís Domènech i Muntaner, artefice della Casa Lleó i Morera.

Passeggiando lungo il viale, non sfugge all’occhio la particolare pavimentazione dei marciapiedi, decorati con le famose mattonelle disegnate da Gaudí, inconfondibili per la forma esagonale, il monocromatismo e il soggetto marino (polipi, lumache e stelle marine). Strada facendo, si incontrano inoltre le celebri panchine-lampioni di Pere Falqués, ammirabili sia per la struttura che per il rivestimento, realizzato con i mosaici caratteristici del modernismo catalano (trencadís).

Difficile è trovare un altro luogo che, come il Passeig de Gràcia, ospiti una tale raccolta di gioielli architettonici, che oggi convivono fianco a fianco con i negozi più prestigiosi ed esclusivi di Barcellona.

Condividi su:

Questo sito utilizza i cookie. Se si continua la navigazione, si considera che accetti il suo utilizzo. Avere maggiori informazioni.